Una storia di successo. Il Gruppo Toto nasce dall’intuizione dei fratelli Ignazio, Antonio e Carlo Toto, che, nel 1961 a Chieti, in Abruzzo, fondano un’azienda inizialmente specializzata nei trasporti e nel movimento terra.

LE PRIME GRANDI OPERE – L’impresa di famiglia cresce rapidamente: nei primi anni ’70 sviluppa una serie di competenze tecniche che aprono le porte al mercato degli appalti pubblici. Dopo i primi lavori autostradali minori fra Emilia e Abruzzo, a partire dal 1975 Toto esegue importanti opere su tutto il territorio nazionale che, oltre alle autostrade, includono la realizzazione di ferrovie, ponti e gallerie. A questa evoluzione corrispondono un nuovo assetto organizzativo e un nuovo nome, Toto Costruzioni Generali, che nel 1979 diventa società di capitali.

GLI ANNI ’80 – Sotto la guida della famiglia Toto e con una squadra di manager e tecnici cresciuti in azienda, il Gruppo si aggiudica commesse sempre più importanti e nel 1986 è ormai la società leader in Italia nella realizzazione di elementi prefabbricati pesanti, con oltre 12 siti di produzione. Sono gli anni dei grandi lavori in Italia: i primi interventi sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria e quelli sulla E45 che collega Roma all’Adriatico, il ponte a spinta più lungo d’Europa in Piemonte.

IN VOLO – Nel 1988, Toto avvia un processo di diversificazione entrando nel mercato del trasporto aereo, fino a quel momento sotto il monopolio statale. Dopo l’acquisizione della piccola compagnia di voli executive Aliadriatica S.p.A., nel 1991 viene fondata Air One, che diventa rapidamente la seconda linea italiana con una flotta di 60 aeroplani. L’esperienza di Air One si concluderà nel 2008 con la cessione alla nuova Alitalia, di cui il Gruppo diventa socio e principale fornitore di aerei attraverso la controllata AP Fleet.

IN ITALIA E NEL MONDO – Il 1997 è l’anno del grande salto all’estero: Toto si aggiudica una commessa in Libano per la realizzazione di una autostrada, che comprende il viadotto più alto del Medio Oriente. Il terzo millennio si apre con il successo nella gara internazionale per la concessione dei 300 km di autostrada che collegano la costa orientale italiana a quella occidentale. Un’ulteriore tappa nella diversificazione è la fondazione nel 2006 di Rail One, la prima società di trasporto ferroviario commerciale privata in Italia, attiva sia sul territorio nazionale sia all’estero.

NUOVE ENERGIE – A partire dal 2010 il Gruppo si impegna nel campo delle energie rinnovabili: in Tunisia viene fondata Med Wind, che sviluppa il primo impianto eolico del Paese per un totale di 90 MW. Nel 2011 nasce Renexia, società specializzata nello sviluppo, nella pianificazione e nella realizzazione di impianti di energie rinnovabili, che nel 2014 fa di Toto il primo gruppo italiano a entrare nel mercato nordamericano, con una commessa per la costruzione e la gestione della centrale eolica offshore del Maryland, la più grande degli Stati Uniti.

VERSO IL FUTURO – Nel 2011 viene fondata InfraEngineering, società specializzata in progetti per grandi infrastrutture. Nello stesso anno nasce “Martina”, la macchina da scavo TBM scudata più grande del mondo, progettata e realizzata in collaborazione con i tedeschi di Herrenknecht. Proprio grazie all’impiego di Martina nel delicato lavoro di scavo della galleria Sparvo, nel 2013 Toto riceve a Londra il prestigioso premio “Contractor of the year” agli International Tunnelling Awards. Oggi il Gruppo continua la sua espansione sul mercato internazionale in Polonia, con la costruzione di 16 km della Superstrada S5 Expressway, e negli Stati Uniti con una seconda piattaforma eolica offshore in New Jersey.